fbpx

PISCINA IN GIARDINO, COME FARE?

Bentrovati nel blog di Edilservice Barletta! Il caldo si fa sentire? Bene, oggi parliamo di piscine private in giardino! Quali sono i costi e i fattori da tenere in considerazione?

Esistono due tipi più comuni di piscine: quella interrata e quella fuori terra. Un primo elemento su cui basarsi per la scelta è di ordine burocratico: il permesso di costruzione al Comune è da richiedere solo per le piscine interrate. Una piscina fuori terra generalmente non necessita autorizzazioni, a meno che non siano previste movimentazioni del terreno o opere murarie.

Nel caso in cui si voglia procedere con una piscina interrata, è fondamentale il coinvolgimento di un ingegnere o di un architetto affinché si occupi della valutazione tecnica. 

Quali permessi e quali autorizzazioni?

I permessi per costruire una piscina in giardino sono necessari solo se la piscina supera il 20% del volume dell’edificio di pertinenza o se la sua costruzione è considerata dal piano regolatore comunale come “intervento di nuova costruzione”. In questo caso va eseguita la Domanda di permesso di costruire da presentare al dirigente responsabile dello Sportello Unico per l’Edilizia o all’ufficio tecnico del Comune di residenza.

In alternativa, per lo scavo e piscine dalle dimensioni inferiori al 20% del volume dell’edificio di pertinenza, va presentata la Scia, la quale permette al Comune di poter effettuare controlli includendo nel documento stesso le caratteristiche tecniche del progetto.

È fondamentale che durante i lavori di costruzione sia rispettato scrupolosamente quanto riportato nella Scia. Una volta depositato il documento, il Comune ha 30 giorni di tempo per contestare o sollevare dubbi in merito al Progetto (in questo periodo, il cantiere privato può tuttavia iniziare).

Terminati i lavori, va consegnato al Comune la Dichiarazione di Conformità del progetto, dove si attesta che il progetto ha rispettato le norme e quanto dichiarato nella Scia.

L’ultimo step è l’accatastamento della piscina: questo documento, che attesta l’aumento del valore dell’abitazione, è obbligatorio per piscine sopra gli 80 metri quadri.

Solitamente, le dimensioni delle piscine private a uso familiare partono da 3×6 metri sino a 7×14 metri. L’altezza media dell’acqua, per ragioni di sicurezza, deve essere almeno 1,40 metri; nel punto di massima profondità, è consigliabile non superare 1,60 metri.

Una stima sui prezzi

Ma quanto costa una piscina? Anche qui la differenza tra piscine interrate e piscine fuori terra è sostanziale. Rivestimenti, finiture e materiali possono condizionare il costo ma, in linea di massima, una piscina fuori terra è la soluzione più economica: può costare anche solo qualche migliaio di euro.

Il costo di una piscina interrata va inteso esclusa la burocrazia e i compensi dei professionisti.

 

A cura di Vincenzo Stella

Compare Listings

Titolo Prezzo Stato Tipo Area Scopo Camere da letto Bagni